Natural Zeolite

NATURAL ZEOLITE possiede una struttura cristallina regolare e microporosa caratterizzata da una enorme quantità di volumi vuoti all’interno dei cristalli. Tale caratteristica gli conferisce un elevato potere igroscopico, permettendogli di idratarsi e disidratarsi reversibilmente

 Secchiello in plastica

  6 / 25 kg

 consentito in agricoltura biologica

Descrizione

Le zeoliti naturali sono una famiglia di minerali formatesi naturalmente milioni di anni fa dalla deposizione e sedimentazione della lava vulcanica nei laghi alcalino-salati. Dal punto di vista chimico-mineralogico appartengono alla famiglia degli alluminosilicati, e sono dotati di una particolare struttura ricca di canali e cavità interne.
In particolare la NATURAL ZEOLITE possiede una struttura cristallina regolare e microporosa caratterizzata da una enorme quantità di volumi vuoti all’interno dei cristalli. Tale caratteristica gli conferisce un elevato potere igroscopico, permettendogli di idratarsi e disidratarsi reversibilmente. La microporosità del minerale, infatti, rende possibile l’assorbimento delle molecole d’acqua anche a basse concentrazione, rilasciandole in maniera graduale con l’innalzamento delle temperature.
La particolare struttura fisico-chimica della NATURAL ZEOLITE conferisce al prodotto un’eccellente capacità di controllo e regolamentazione dell’umidità presente
sugli strati epidermici delle piante. Infatti applicata sulla pianta riduce drasticamente i problemi derivanti da essa e determina l’istaurarsi di un microclima sfavorevole all’insorgenza delle principali malattie fungine: ad esempio Botrytis cinerea, Phytophthora infestans, Plasmopara viticola, Oidium.

Le ife dei funghi fitopatogeni per germinare e formare i miceli necessitano di elevata umidità relativa senza la quale non possono crescere e svilupparsi dando vita alla nuova infestazione. All’effetto di controllo igroscopico si aggiunge l’azione curativa della NATURAL ZEOLITE che diminuendo l’accumulo di acqua e incentivando i processi di cicatrizzazione delle microlesioni della lamina fogliare, impedisce la penetrazione delle ife dei patogeni nei tessuti vegetali. Inoltre crea una barriera protettiva contro insetti fitofagi.
NATURAL ZEOLITE, dalla molteplici prove effettuate, si è dimostrata un importante agente di controllo della B. Cinerea, riducendo drasticamente l’incidenza del patogeno in campo.

Natural Zeolite è un corroborante induttore di resistenza consentito in agricoltura biologica ai sensi dei regolamenti CE 834/2007 e 889/2008 e del DM 27 novembre 2009, n°18354.Può essere usato fino al momento della raccolta, non lasciando residui e non presentando tempi di carenza.

Può essere addizionato ai fertilizzanti o ai fitofarmaci(esclusi quelli a reazione alcalina e gli oli minerali).

 

Composizione

Zeolite Naturale 100%
Zeolite composta di Clinoptilolite
Capacità di scambio cationico (CSC) 200 cmoli/Kg
Granulometria 0,02 mm

Dosi e modalità d'impiego

Trattamenti in acqua

UVA DA TAVOLA | dall’antesi alla raccolta, frazionando in più interventi | 3-4 kg/ha
FRUTTIFERI | dall’antesi alla raccolta, frazionando in più interventi3-4 kg/ha
ORTIVE in pieno campo | dal trapianto alla raccolta, frazionando in più interventi 2-3 kg/ha
ORTIVE in serra |dal trapianto alla raccolta, frazionando in più interventi | 2-3 kg/ha

Trattamenti polverulenti

UVA DA TAVOLA | dall’antesi alla raccolta, frazionando in più interventi | 5-7 kg/ha
FRUTTIFERI | dall’antesi alla raccolta, frazionando in più interventi | 6-8 kg/ha
ORTIVE in pieno campo | dal trapianto alla raccolta, frazionando in più interventi 5-7 kg/ha
ORTIVE in serra |dal trapianto alla raccolta, frazionando in più interventi | 5-7 kg/ha

 

La Natural Zeolite va applicata dalla pre-chiusura del grappolo alla maturazione alla dose di 10-20 kg/ha (per trattamenti polverulenti). Applicazioni preventive a partire dalla ripresa vegetativa fino alla maturazione aumentano l’efficacia del prodotto, determinando un accumulo e una distribuzione più omogenea su tutte le parti della pianta. Infatti le spore fungine sono sempre presenti in campo e il verificarsi di condizioni climatiche favorevoli ne determina lo sviluppo a prescindere dal periodo fenologico.

TORNA SU